Perché rivolgersi a ottici professionisti

Affinché la propria vista sia sempre monitorata e protetta, sarà necessario rivolgersi ad esperti nel campo, ottici professionisti in grado di garantire assistenza e competenza. L’ottico giusto è colui che sa prendersi cura dei propri clienti a partire dalla consulenza iniziale, volta a consigliare e guidare verso la giusta scelta, fino all’assistenza post-vendita. Il cliente non dovrà mai sentirsi abbandonato, dovrà sapere di potersi rivolgere in qualsiasi momento a persone preparate, trovando sempre disponibilità e professionalità.

Affidarsi a ottici professionisti significa poter usufruire di moltissimi servizi, tra cui il più diffuso: l’esame della vista. Grazie all’utilizzo di sistemi avanzati e computerizzati, il tecnico competente sarà in grado di verificare l’efficienza e la salute degli occhi, andando prontamente a correggere, qualora necessario, eventuali difetti visivi. Senza mai tralasciare neanche il concetto di prevenzione, ponendo attenzione anche ai più piccoli disturbi degli occhi che possono essere sintomi di rischi, già in corso o potenziali e di varia natura, su cui dover tempestivamente intervenire. L’ottico professionista saprà riconoscere in dettagli quali prurito, sdoppiamento della vista, arrossamento, lacrimazione scarsa o eccessiva, segnali di problematiche e consigliare l’utilizzo di lenti o prodotti appropriati a risolvere la situazione. Sarà sua premura aiutare i clienti a districarsi in un mondo fatto di lenti monofocali, bifocali, progressive, multifocali, lenti a contatto e molto altro ancora, spiegando in maniera chiara e precisa le particolari differenze e perché scegliere l’una invece dell’altra. In particolar modo quando si parla di lenti a contatto, prodotti così delicati e apparentemente difficili da usare, illustrando in maniera approfondita le loro caratteristiche ed il corretto utilizzo, fornendo anche assistenza nelle delicate fasi di applicazione ed adattamento.
Visita www.otticaamica.net
Da sfatare, dunque, la credenza che l’interesse dell’ottico è unicamente quella di vendere occhiali, lenti e altri prodotti correlati, con l’unico scopo di guadagnare anche a scapito dei clienti, che potrebbero ritrovarsi con prodotti costosissimi e non adatti alle loro esigenze. L’ottico vero è un professionista, e la sua bravura e capacità di consigliare e mettere a proprio agio il cliente è alla base della sua attività, volta e risolvere dei problemi, ruolo difficile ed importantissimo. Persino la scelta di una semplice montatura deve avvenire con competenza, poiché gli occhiali da vista sono molto più di un accessorio, sono dei veri e propri compagni di vita per coloro che li indossano. Specie se se è affetti da problematiche come una forte miopia, gli occhiali costituiscono un mezzo attraverso cui ritrovare fiducia in se stessi e nel mondo circostante, una sorta di miracolo capace di ridonare la vista, bene preziosissimo e troppo spesso sottovalutato da chi non ne ha mai sperimentata l’assenza. Gli occhiali, compresa la montatura, così come le lenti a contatto, devono essere studiati su ogni singolo individuo, in base alle specifiche problematiche, alla tollerabilità, persino alla personalità. Grazie ad una vasta gamma di prodotti che vanno dal Made in Italy fino a creazioni internazionali, con collezioni di articoli capaci di conquistare anche i clienti più esigenti, chiunque deciderà di affidarsi ad ottici professionisti, come www.otticaamica.net, avrà la certezza di trovare sempre il giusto prodotto al miglior prezzo. Anche la scelta degli occhiali da sole dovrà avvenire con perizia e attenzione, e solo degli ottici professionisti saranno in grado di condurla in maniera consapevole e sicura nel vasto assortimento di prodotti dedicati alla protezione UV. In un ambiente di comfort e benessere totali, cordialità e gentilezza, competenza e professionalità saranno corredo imprescindibile e basilare dell’attività dove la salute degli occhi e la salvaguardia della vista ne sono il nucleo essenziale.

Psicoterapeuta a Torino

Chi è alla ricerca di uno psicoterapeuta a Torino deve avere la sicurezza di trovare il professionista più adatto per le proprie esigenze. Per capire se si tratta, o meno, dello specialista giusto, ci si deve porre delle domande e cercare di ottenere delle risposte.
Il ruolo dello psicoterapeuta

Si deve, quindi, partire dall’analisi del ruolo dello psicoterapeuta. Iniziamo con il dire che si tratta di un professionista, che, previo conseguimento dell’apposito titolo di studio, viene abilitato a quello che è l’esercizio della psicoterapia dall’ordine professionale a cui appartiene.
L’obiettivo dello psicoterapeuta è quello di curare disturbi di tipo psichico dei suoi pazienti.

Le leggi che regolamentano la professione in Italia

La legislazione in merito a tale professione dello psicoterapeuta da riferimento all’articolo 3 della Legge n° 56 del 18 febbraio 1989, dal titolo Ordinamento della professione di psicologo, che prevede l’obbligo di conseguimento di una specializzazione post universitaria in psicoterapia, da ottenere presso una scuola di specializzazione pubblica o privata che, però, deve essere riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Naturalmente, non tutti possono accedere a tali scuole, bensì solo i laureati in psicologia o medicina iscritti ai rispettivi Albi professionali.

Che si tratti di cercare uno psicoterapeuta a Torino o ovunque in Italia, è importante controllare che il professionista scelto abbia tutti i requisiti di cui sopra.

Come scegliere uno psicoterapeuta

Quella dello psicoterapeuta deve essere una scelta ragionata, perché si tratta di una questione delicata. Dato che si devono risolvere dei problemi e delle questioni molto delicate, è bene scegliere il professionista che maggiormente ispira fiducia e fa al caso proprio. Ecco, quindi, che una ricerca preventiva non può che giovare all’esito finale della cura.

Un primo fattore che si deve tenere in conto è il sesso dello psicoterapeuta. Ci si deve, quindi, domandare se ci si trova più a proprio agio con un professionista donna o uomo. A seconda di questa specifica risposta si dovrà fare una prima cernita. Sebbene possa sembrare un fattore irrilevante, possiamo assicurare che non lo è. Si tratta, infatti, di una questione da affrontare, perché se si è a proprio agio si vive meglio il percorso da affrontare.

Inoltre, si deve fare anche una scelta in base a quello che è l’approccio dello psicoterapeuta, che non è uguale per tutti: c’è chi lavora maggiormente sul piano personale e chi più su quello familiare, ad esempio, chi ha un approccio più pratico e chi, invece, più teorico.

Pertanto, chi è alla ricerca del giusto psicoterapeuta deve tenere conto di tutto questo e fare la propria scelta dopo aver analizzato tutti questi aspetti.

La Dott.ssa Marlene Rittà si occpa da 15 anni di terapia familiare, individuale sia con adulti che bambini.